!-- Facebook Pixel Code -->

Hotel Bellaria - Family Hotel Rimini - Hotel Igea Marina - Hotel Rimini 4 stelle

Blu Suite Hotel

Chiama Email Prenota

Romagna in sella: 3 itinerari da sogno 

“Quali sono le prime tre parole che ti vengono in mente se ti dico 'Romagna'?”, chiedo a un amico di Milano.

“Facile! Mare, divertimento e piadina”, mi risponde senza lasciar spazio al dubbio.

“E se ti dicessi che Rimini e dintorni sono storia, natura incontaminata e paesaggi da sogno?

E' da qui che nasce la mia esigenza di raccontare la Romagna e il suo entroterra come chi la vive ogni giorno, attraverso gli occhi di chi vuole riscoprire il territorio in una maniera diversa, in sella alla propria bicicletta. Da dove nasce questo legame indissolubile tra il ciclista e le due ruote?

L'amore risale ai primi ricordi dell'infanzia e a quel senso di libertà misto a gioia che provi quando la mamma ti toglie le rotelle e ti accorgi che stai pedalando da solo, senza l'aiuto di nessuno.

Ecco, oggi vogliamo tornare un po' bambini andando alla scoperta degli itinerari più amati e appassionanti di Rimini e dintorni, dove il contatto con la natura è autentico e fa bene a corpo, mente e spirito.

 

1 - Valmarecchia: tra borghi medievali e panorami incantevoli

Il sentiero della Valmarecchia è sicuramente quello più amato dai bikers che trascorrono le vacanze in Riviera. Si tratta di una pedalata in pianura adatta a tutti i cicloamatori senza dover affrontare salite ripide o percorsi troppo impegnativi. Non troverete indicazioni particolari lungo il sentiero, il vostro compagno di viaggio sarà proprio il fiume Marecchia.

La prima tappa del viaggio è Rimini: la storia millenaria di una delle città più antiche della penisola la rendono un tesoro di valore inestimabile. L'Arco d'Augusto e il Ponte di Tiberio, il Borgo San Giuliano e il Cinema Fulgor rappresentano solo alcuni dei simboli della città romagnola per eccellenza che ha saputo mantenere il sapore autentico di un tempo senza rinunciare all'innovazione e al cambiamento.

Seguendo il corso del fiume Marecchia, a metà strada non potete perdere Santarcangelo di Romagna, uno dei borghi più suggestivi di tutta l'Emilia Romagna. Qui è d'obbligo una visita all'interno della grotta monumentale, un labirinto sotterraneo dove nei secoli passati veniva conservato il vino invecchiato in antiche botti: il Sangiovese.

Pedalando in aperta pianura si arriva all'ultima tappa del nostro viaggio: Verucchio. Il paese-fortezza di epoca medioevale su cui domina la Rocca Malatestiana, una delle fortificazioni malatestiane meglio conservate da cui si può godere di un panorama unico su tutto il territorio.

  • Distanza: 35 km
  • Livello di Difficoltà: Facile
  • Bicicletta: MTB

 

 

2 - Verso le Marche: tra mare e colline

Un itinerario di difficoltà media con splendidi panorami tra Emilia Romagna e Marche.

La prima destinazione è Riccione, la perla verde dell'Adriatico è raggiungibile tramite il lungomare che ci porterà verso il molo della città, a qualche km dal centro della città dove poter ammirare i suoi viali alberati, giardini e parchi, oltre a Viale Ceccarini, piena di boutique e locali alla moda.

Si risale verso l'entroterra romagnolo alla scoperta di Mondaino, una rocca del Malatesta dove ogni anno viene celebrato il Palio del Daino, una manifestazione che riunisce migliaia di persone da tutto il territorio in cui le contrade di Borgo, Castello, Contado e Montebello si sfidano in giochi di ogni tipo, tra bancarelle e botteghe dove vengono proposte le prelibatezze culinarie locali.

L'ultima tappa del nostro viaggio è Pesaro: una città d'altri tempi che ha visto nascere uno dei compositori più ammirati della storia musicale italiana: Gioachino Rossini. Dal centro storico si raggiunge facilmente il mare dove “sventola” la bandiera blu, il prestigioso riconoscimento assegnato alle località balneari che gestiscono il proprio territorio in maniera sostenibile

  • Distanza: 80 km
  • Livello di Difficoltà: Medio 
  • Bicicletta: Bici da corsa

 

3 - Mini Nove Colli: 100 km di storia

Erano le 5 del mattino del 20 maggio 1971, un gruppo di amici accomunati da una grande passione si riuniscono nella sede storica del Bar del Corso del porto di Cesenatico. Che la storia abbia inizio! Da ormai quasi 50 anni è una delle gare ciclistiche più famose d'Italia che riunisce migliaia di atleti che si sfidano in un percorso ostico anche per i più esperti. L'itinerario che abbiamo ideato è una mini nove colli che ricopre la metà della distanza rispetto a quello originale, ma da non sottovalutare. 

La prima tappa del viaggio è Sogliano al Rubicone, un piccolo borgo risalente al 1600 famoso per il formaggio di fossa. Il paesaggio roccioso e la natura impervia la rendono una delle destinazioni più apprezzate dagli amanti del trekking. 

La seconda meta è Mercato Saraceno, in prossimità del centro storico, molto stretto, è necessario ridurre la velocità. Ricaricate le energie con una pausa nella storica pasticceria Van Den Berg, il calore e il favoloso connubio Romagna-Olanda dei proprietari vi riporterà indietro nel tempo.

Proseguite verso San Leo, a 30 km da Rimini, un importante insediamento di epoca romana che sorge in cima a uno sperone roccioso. Rigeneratevi con un pranzo salutare in una delle trattorie del centro storico, c'è l'imbarazzo della scelta!

L'ultima tappa del viaggio prima di fare rientro è San Marino. La Repubblica più antica del mondo non ha certo bisogno di presentazioni. La Piazza della Libertà con la sua statua è un must tra i viaggiatori che scelgono di visitare questo piccolo borgo medioevale. Durante la discesa prestate molta attenzione alle curve a gomito e moderate la velocità.

  • Distanza: 130 km
  • Livello di Difficoltà: Difficile
  • Bicicletta: Bici da corsa