!-- Facebook Pixel Code -->

Hotel Bellaria - Family Hotel Rimini - Hotel Igea Marina - Hotel Rimini 4 stelle

Blu Suite Hotel

Chiama Email Prenota

PROVA COSTUME IN RITARDO? APPROFITTA PER RINFORZARE LE DIFESE IMMUNITARIE

Benvenuta Primavera,
e benvenute belle giornate che hanno sempre rappresentato per chi vive in Riviera, le prime uscite in spiaggia, i pic nic in campagna, le gite fuori porta.

Quest’anno la situazione surreale che abbiamo intorno, ha spostato l’attenzione su altro e, quello che è sempre stato dato per scontato, ovvero la salute, è salito in cima alla lista delle nostre priorità.

Tutto intorno a noi è cambiato. 

Dal lockdown che ci ha imposto nuovi ritmi, nuove abitudini, un tempo più dilatato e spazi di movimento più angusti, all’alimentazione.
Alzi la mano chi non ha incrementato il numero di spuntini al giorno; mangiamo di più, cuciniamo di più e la tendenza, almeno a giudicare dalla vita ripresa dai social è quella di consumare più dolci e carboidrati in generale: pasta, pane e focacce.

Di solito, in questo periodo, iniziava la frenetica corsa a drenare, depurare per affrontare la prova costume e sfoggiare i primi indumenti primaverili, quest’anno invece la situazione è un po’ diversa, il focus si è decisamente spostato.

Cosa possiamo fare per migliorare il nostro stato di benessere e la nostra salute nell’attesa di riappropriarci della nostra vita e riprendere il tran tran?

Sicuramente, il primo regalo che possiamo fare a noi stessi è un sistema di difesa performante e in piena salute.

Sto parlando del sistema immunitario, ovvero il sistema di difesa dell'organismo che ha la funzione primaria di proteggerlo dall'attacco di virus, batteri e altri microrganismi nocivi presenti nell'ambiente. Un sistema immunitario in salute, ci protegge in modo naturale e ci permette di essere più forti proprio nei confronti di situazioni virali, come in questo caso.


Quali sono quindi gli organi da mantenere in salute affinché il nostro scudo protettivo sia efficace?

In primis l’intestino, sede del microbioma.

Molti modelli sperimentali hanno dimostrato che organi e strutture del sistema immunitario non si sviluppano correttamente, se l’organismo non viene a contatto con i microbi. Questo riguarda sicuramente il sistema immunitario intestinale: ad esempio lo sviluppo delle placche di Peyer, che sono gli organi del sistema immunitario localizzati nella parete dell’intestino, e la produzione degli anticorpi IgA, ma anche gli organi del sistema immunitario “generale” come linfonodi o milza. Inoltre, produzione ed effetti delle
citochine sono alterati negli animali che non hanno un contatto normale con i microrganismi.

Ecco perché è bene rinforzarlo e dedicargli attenzione e cura, non soltanto ai tempi del Corona Virus.

Quando parliamo di sistema immunitario dobbiamo immaginare un sistema molto complesso di organi che lavorano in sinergia tra loro, distribuiti in tutto il corpo: milza, midollo, linfonodi, timo, tonsille ecc.

Gli organi sono collegati tra loro dai vasi linfatici che lasciano transitare cellule e molecole del sistema immunitario (linfociti e acrofagi), non risulta difficile capire quindi che per un buon funzionamento del sistema è necessario tenere la “linfa pulita”.

Ecco 4 rimedi che possono aiutarti a “pulire la linfa” e aumentare le difese.

Abbiamo necessità di disintossicare la linfa che scorre parallelamente al sangue, contribuisce alla rimozione dei “rifiuti” che si trovano all'interno dell'organismo.

Per farlo abbiamo diverse opzioni, tutte derivano dal mondo vegetale: erbe, medicamenti, tisane, decotti, tinture madre, macerati e tanta frutta e verdura, che al tempo stesso, apporteranno vitamine e sali minerali utili a innalzare la performance del nostro sistema immunitario.

Qualche esempio?

  • Betulla
  • Centella
  • The di Giava
  • Thuya

Oltre a questo che, ricordiamo dovrebbe essere prassi almeno 2 volte l’anno durante il cambio di stagione, ci sono alcuni alimenti funzionali, anche detti superfood che possono darci una grossa mano nella salvaguardia del nostro sistema immunitario e nel praticare una prevenzione attiva.

Non si può parlare di salute e immunità senza prendere in considerazione l’intestino e di conseguenza il microbioma, ovvero la totalità del patrimonio genetico del microbiota cioè i geni che quest'ultimo è in grado di esprimere.
Per un microbioma protetto e attivo due alimenti, più di altri, sono ritenuti particolarmente indicati:

  • Baobab
  • Papaya fermentata

 

Baobab

Alleato di Intestino e digestione in generale, metabolismo, pelle e muscolatura, tono ed energia.


Papaya fermentata

Azione tonica, energetica e rivitalizzante. Ricca di antiossidanti, come carotenoidi, contiene anche elevate
quantità di vitamina A e vitamina C.

Altro superfood di eccellenza quando si parla di “dare la sveglia al sistema immunitario” è certamente l’universo dei funghi, proprietà e benefici sono talmente stupefacenti da essere studiati e avvalorati da un punto di vista medico-scientifico da una vera e propria disciplina, la micoterapia.
Parlando di sistema immunitario, i funghi su cui ci concentreremo sono 3:

  • Reishi
  • Shitake
  • Maitake

 

Reishi (ganoderma Lucidum)

I cinesi lo chiamano fungo dell’immortalità, Ling Zhi nella loro lingua. E’ stato dimostrato come gli attivi presenti agiscono direttamente sul sistema immunitario, rafforzandone le difese e rendendolo più forte contro gli attacchi esterni.

E’ possibile assumerlo sotto forma di tè, in capsule come integratore, o in polvere, in tal caso deve essere diluita in un liquido. A differenza di altri integratori, questo fungo non viene “mangiato” proprio perché a causa della buccia dura, a base di cellulosa, può risultare difficile da digerire.

Tra le altre proprietà di questo fungo la sua azione per ridurre lo stress e favorire il rilassamento, quindi ottimo in questo periodo di terrore da corona virus che alza i livelli di cortisolo., utile per le affezioni reumatiche e delle ossa, per la cura di asma e bronchite cronica per disintossicare il fegato e diminuire la pressione arteriosa e il colesterolo.

 

Shiitake (Lentinula edodes)

Arriva dal Giappone, ma oggi è coltivato anche in Italia dotato di straordinarie qualità nutrizionali.

Alcune sue componenti sono risultate efficaci nel trattamento di alcuni tumori (leucemie e cancro al seno), nella riduzione dei livelli di colesterolo nel sangue, nella stimolazione del sistema immunitario e in particolare contro i virus. Alcuni suoi fito-estratti, inoltre, sono impiegati nell’industria cosmetica per la realizzazione di creme dall’effetto anti-età.” Dalla consistenza simile ad un porcino questo alimento presente in molti piatti asiatici si combina bene anche con le “ricette nostrane” che contemplano l’utilizzo di funghi corposi. Ottimi in insalata, alla brace, al forno, fritti oppure saltati in padella o nelle zuppe.


Maitake

Il nome scientifico è Grifola frondosa, ma in Giappone lo chiamano fungo danzante, secondo una leggenda, il nome è dovuto al fatto che le persone ballavano per la gioia quando trovavano questi funghi nel bosco.

In Giappone si utilizza sia come rimedio che come alimento da oltre 3000 anni. Utilizzato come tonico adattogeno, promuovere condizioni di salute generale e di benessere.

Questo fungo è impiegato a sostegno sia del sistema immunitario che di quello metabolico. Prevenire, per le culture orientali è molto importante e l’alimentazione è un tassello importante della prevenzione.

Anche il Maitake un po’ più difficile da reperire è un alimento da introdurre nella dieta se si vuol promuovere lo stato di benessere del microbioma e al tempo stesso alzare le barriere del sistema immunitario.

Per il kit di “protezione” da malanni di stagione scegli:

  • sostanze fitoterapiche drenanti
  • vitamina c (agrumi, kiwi, camu camu, acerola, bacche)
  • vitamina B12S
  • vitamine del gruppo b

Torneremo a pensare all’estate, ai weekend in riva al mare con i piedi nell’acqua, a guardare il tramonto con il nostro spritz in mano, nel frattempo però sfruttiamo questo periodo per imparare a prenderci cura di noi, ricordandoci che prevenire è meglio che curare.